News

18/09/2014
L’Articolo 10 comma 2 del D. Lgs. 115/2008 ha previsto un regime di particolare favore, in termini di esenzione dal pagamento di oneri generali di sistema e di tariffe di distribuzione e trasmissione, per un particolare regime di autoconsumo denominato Sistema Efficiente di Utenza (di seguito definito anche “SEU”), delegando l’attuazione di tale disciplina all’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas.

Con la deliberazione 12 Dicembre 2013 n. 578 del 2013 (di seguito la “Delibera”), l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (di seguito l’Autorità) ha finalmente dato attuazione a tale disciplina.
Ai sensi dell’Articolo 1.1 della Delibera (definizioni di “sistema efficiente di utenza”, “piena disponibilità di un’area” e “unità di consumo”) perché si configuri un sistema efficiente di utenza devono realizzarsi tutte le seguenti condizioni:
1. Ci devono essere uno o più impianti di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile o cogenerativi ad alto rendimento di potenza complessiva non superiore a 20 MW e tutti gestiti da un solo soggetto.
2. Tali impianti di produzione devono essere collegati (oltre che alla rete elettrica) a un’unica unità di consumo di un solo cliente finale. Unità di consumo significa l’insieme dei punti di consumo fra loro connessi, che sono tutti utilizzati per uno specifico impiego o finalità produttiva e che sono tutti sulla medesima unità immobiliare ovvero su unità immobiliari contigue, tutte nella disponibilità della medesima persona. Sostanzialmente per unità di consumo si intende l’insieme dei punti di utilizzo di energia di titolarità di un solo soggetto che possano essere considerati unitariamente in funzione del loro utilizzo.
3. Il collegamento fra l’impianto/o gli impianti di produzione deve avvenire attraverso una linea senza obbligo di connessione di terzi. Sostanzialmente una linea privata creata ad hoc, tutta all’interno del medesimo sito e che non collega altri impianti di produzione o unità di consumo.
4. Il titolare del punto di consumo deve avere anche la piena disponibilità dell’area dove sono si-tuati gli impianti di produzione. Per piena disponibilità si intende il diritto di proprietà, il diritto di superficie o di usufrutto, ovvero un titolo contrattuale come la locazione o il comodato.
5. L’area dove sono situati gli impianti di produzione e l’area ove è collocata l’unità di consumo devono essere senza soluzione di continuità, al netto di strade, strade ferrate, corsi d’acqua e laghi, nella piena disponibilità del medesimo cliente finale.

Quali vantaggi offrono i SEU?
I SEU godono di un regime di particolare favore. A tale categoria di sistemi di autoconsumo è infatti attribuita dall’Articolo 10 comma 2 del D. Lgs. 115/2008 l’esenzione dalle componenti variabili degli oneri generali di sistema e delle tariffe di trasmissione e distribuzione, che assumono un peso molto rilevante nella bolletta elettrica.
Ne consegue che l’installazione di un impianto di autoconsumo configurato come sistema efficiente di utenza:
a. se produttore e cliente finale coincidono, permetterà al cliente finale di non pagare (per l’energia istantaneamente auto-consumata) il costo dell’energia e la gran parte degli oneri di carattere tariffario e parafiscale che nella bolletta elettrica si aggiungono al costo dell’energia;
b. se il produttore e il cliente finale non coincidono permetterà al cliente finale di pagare per l’energia auto-consumata un importo stabilito d’accordo con il produttore, che sarà presumibilmente di poco inferiore a quello pagato con la bolletta elettrica. Infatti: (i) l’energia auto-consumata è esente dagli oneri parafiscali e tariffari sopra menzionati, che sarebbero altrimenti applicabili all’energia prelevata dalla rete; (ii) verosimilmente il consumatore ha consentito al produttore di installare nel proprio sito un impianto di energia per l’autoconsumo, perché ha pattuito in anticipo condizioni favorevoli per la propria fornitura di energia.

Fonte: Qualeenergia.it

0 Comments